Le acque termali: la medicina naturale amica della salute

 

Curarsi in modo naturale

Le acque termali sono una particolare tipologia di acqua che ci aiuta nella cura di molti malanni.
In  questo articolo introdurremo la loro differente composizione chimica e conseguente classificazione terapeutica.
Vi sveleremo i benefici delle Terme: strutture dove si effettuano cure e attività che sfruttano i principi e le caratteristiche specifiche di ogni tipologia di acqua termale.
Vi daremo istruzioni sulla prassi da seguire per accedere alle cure negli stabilimenti termali tramite convenzione sanitaria e rimborsi vantaggiosi.
Inoltre, evidenzieremo come sia importante seguire correttamente i cicli di cure con acque termali.
Per farlo occorrerà seguire le direttive del proprio medico curante o specialista.
Sarà lui a indirizzarci nella scelta del centro di cura termale più adatto al trattamento ottimale del proprio disturbo o patologia.

 

Una medicina antichissima dal comprovato valore scientifico

Quella delle Terme era una pratica già ampiamente utilizzata in epoca romana e nel Medioevo.
Una medicina antichissima quindi, che aiuta a contrastare i disturbi più comuni.
La sua efficacia storica non è solo comprovata dalla tradizione popolare, ma è convalidata da sempre nuove ricerche e studi autorevoli effettuati in collaborazione con università ed enti di ricerca.
Importanti sforzi sono stati compiuti dagli stabilimenti termali per valutare i reali benefici delle cure.
Studi statistici, epidemiologici e importanti ricerche in merito sono ancora in corso.
Tutti questi studi confermano i benefici delle cure termali quando ci si attiene correttamente alle prescrizioni mediche.
È per questo motivo che le cure termali sono, in determinati casi, ampiamente rimborsate dal Servizio Sanitario Nazionale che ne controlla l’attività medica.

immagine di persone dell'antichità mentre fanno cure con acqua termale nelle antiche Terme

Le attività termali nella società moderna

Il termalismo è oggi l’insieme delle attività, delle strutture e delle attrezzature che utilizzano acque minerali o termali a scopo terapeutico.
Le Terme sono il luogo dove con acque e fanghi, in un ambiente di totale relax, supportati in ogni percorso terapeutico da personale medico sanitario specializzato, ci si prende cura dolcemente della propria salute.

donna in una moderna struttura termale

Quali sono le indicazioni? Cosa si cura alle Terme?

Molte malattie possono beneficiare degli effetti di una cura con acque termali: artrosi, postumi di fratture, dolori reumatici, calcoli urinari, disturbi renali, raffreddori, infezioni rinofaringee recidive, sinusiti, allergie respiratorie, disturbi intestinali o ginecologici, malattie della pelle (eczema, psoriasi, ustioni…) sono solo alcuni dei disturbi che trovano cure ottimali nell’ambito dei cicli terapeutici attuati negli stabilimenti termali.
Le cure termali contribuiscono a eliminare o distanziare le crisi acute e ad attenuare i disturbi funzionali.

immagine di medico in centro termale

Il principio chiave della Medicina termale

La Medicina  termale è una medicina naturale che fa affidamento su tanti tipi di acque con un cocktail di minerali sempre diverso e unico, temperature differenti e un’infinita varietà di applicazioni, dai bagni ai fanghi fino alle irrigazioni interne.

immagine di operatore sanitario che si prepara a dei trattamenti a base di fanghi e acqua termale

La classificazione delle acque termali

Le proprietà delle acque minerali sono numerose e variano a seconda delle sorgenti.
Per questo ogni stazione termale è specializzata nella terapia di alcune malattie specifiche.
Due sono i principali criteri di classificazione delle acque termali:
– la classificazione chimica: acque con bicarbonato, zolfo, cloro, calcio, metalli rari;
– la classificazione terapeutica: cure interne (per esempio l’assunzione di acque minerali per aumentare l’attività epuratrice dei reni); cure esterne (bagni, docce, vaporizzazioni orali o cutanee, massaggi, getti,
irrigazioni).

immagine di donna immersa in acque termali

Le proprietà benefiche delle acque termali e l’interazione efficace con le terapie in corso

Le cure termali sono un metodo terapeutico che consente di:
–  diminuire o eliminare i farmaci;
–  aumentare l’efficacia di un farmaco il cui effetto è diminuito;
–  ridurre gli effetti collaterali di alcune terapie di lungo periodo.

Le cure termali consentono inoltre:
– la diagnosi precoce di certe affezioni grazie alla continua presenza di personale medico;
– la prevenzione delle ricadute e delle complicanze.

L’effetto delle cure termali è pertanto curativo e preventivo.
Ogni ciclo ha una tempistica minima studiata per permettere un riequilibrio efficace.
Nelle malattie caratterizzate da crisi acute e ripetute, come l’asma, l’emicrania, l’eczema, le cure termali aiutano a diminuire la sensibilità agli agenti scatenanti.
Quando i disturbi funzionali sono legati a delle difficoltà psicologiche, possono scomparire completamente una volta riconquistato l’equilibrio psichico.

 

 

donna che si sottopone a trattamento con acque termali

L’efficacia dei metodi termali all’interno di un regolare stile di vita

Ma attenzione: la cura termale è una terapia completa in cui lo stile di vita del paziente è altrettanto importante delle cure a cui viene sottoposto.
Per questo è essenziale, affinché i cicli di terapia termali abbiano effetti positivi e durevoli, che la cura termale sia vissuta come un momento privilegiato di educazione sanitaria: ritmo di vita regolare, senza stress, igiene alimentare e regole dietetiche, uso ottimale dei farmaci, esercizi fisici adatti e riposo.
La cura termale è di fatto il momento ideale per riacquistare un ritmo di vita salutare.

immagine di momenti di relax alle Terme

Esistono controindicazioni alle terapie con acque termali?

Come per tutte le terapie, anche per le cure termali esistono controindicazioni.
Generalmente, tutte le malattie acute (tranne l’eczema) e ogni malattia cronica che comprometta seriamente una funzione importante (come la respirazione o la circolazione del sangue), rappresentano serie controindicazioni.
Alcuni tipi di cure possono essere sconsigliate a causa della natura delle acque, del clima, dell’altitudine o dello stato generale del paziente.
Il medico curante e il medico specialista sono i soggetti più indicati a fornirvi le indicazioni per il trattamento più appropriato al vostro caso e ad autorizzarlo.

Come richiedere un trattamento con acque termali

La richiesta di cure termali, come per ogni altra prestazione specialistica, va effettuata dal medico di base, che si atterrà, dove presente, alla prescrizione da parte di medici specializzati nelle varie patologie, e che seguono pertanto in modo specifico e mirato i pazienti.
In tutti gli altri casi, quando un medico ritiene che un ciclo di cure termali sia necessario per una determinata condizione patologica, dopo averlo concordato con il paziente, può preparare un’apposita impegnativa e gliela consegna.
Nella formulazione della richiesta andranno indicate la stazione termale proposta, la natura della patologia del paziente, l’orientamento terapeutico e il tipo di cura prescritto.
Spetta al paziente prendere contatto con la stazione termale indicata e accordarsi sul periodo in cui effettuare la cura.
La richiesta viene accolta solo se l’indicazione terapeutica è confermata da uno dei medici addetti alla stazione termale e se la stazione stessa possiede i requisiti per praticare le cure indicate.
L’impegnativa è valida esclusivamente per lo stabilimento e la patologia indicati nella richiesta del medico curante, che non possono essere modificati.
Nel caso sorgessero difficoltà, andrà fatta una nuova richiesta.

immagine di medico che prescrive le terapie termali

Consigli per organizzare al meglio il soggiorno nello stabilimento termale

– Consultare il proprio medico e inoltrare la richiesta con buon anticipo rispetto alla data prevista.
– Prenotare le cure e l’albergo il più presto possibile. Si avranno così più possibilità di scelta circa il periodo e gli orari delle cure.
– Prenotare le cure termali prima dell’albergo o della pensione.
– Munirsi di sandali di gomma, costumi da bagno e cuffie, obbligatori all’interno degli stabilimenti di cura.

Chi si fa carico delle cure termali?

Le cure termali sono a carico del Servizio Sanitario Nazionale, per quel che riguarda l’aspetto più propriamente sanitario, cioè per quanto concerne i costi di:
– personale medico che effettua le visite di accettazione e dimissione, più le eventuali visite nel corso della cura;
– personale sanitario che partecipa al programma di cura;
– prestazioni specificamente indicate nell’impegnativa del medico curante;
– i farmaci assunti.
Il ciclo di cura è considerato, entro un tetto che solitamente è di 15 giorni, un periodo di malattia che non decurta le ferie del lavoratore dipendente.
A questo proposito vi possono però essere differenze tra i contratti di lavoro delle varie categorie.
Non sono di solito rimborsate dal Servizio Sanitario Nazionale le spese alberghiere relative al soggiorno nelle stazioni termali, le spese di trasporto per raggiungere tali località e tutte le prestazioni collaterali non specificamente connesse al ciclo di cure prescritte.
Vi sono tuttavia particolari categorie di utenti che hanno diritto a facilitazioni: per esempio, coloro che sono stati vittima di infortuni sul lavoro, che hanno contratto malattie professionali o che sono stati riconosciuti portatori di un certo grado di invalidità.

In sintesi 

Ogni cittadino – previa visita, parere e prescrizione medica – ha diritto ad un ciclo di cure termali all’anno effettuabile tramite il Servizio Sanitario Nazionale.

È sufficiente presentare la prescrizione del Medico di base o dello Specialista dell’Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) indicante la diagnosi e il tipo di terapia.

L’impegnativa costituisce titolo valido per un ciclo di cure termali.

Le cure termali possono altresì essere effettuate privatamente, ad esempio per quanti volessero effettuare un secondo ciclo di cure nel corso del medesimo anno oppure effettuare due tipi di cure termali durante il soggiorno. In questo caso ogni stabilimento termale prevede delle speciali agevolazioni.

 

Per saperne di più

In materia di trattamenti termali, le norme sull’intervento del Servizio Sanitario Nazionale a favore di diverse categorie di utenti e sulle procedure da seguire per accedervi, sono cambiate più volte negli ultimi anni e potrebbero cambiare ancora nel prossimo futuro.
Per avere informazioni precise in merito, gli utenti possono rivolgersi ai distretti sanitari o agli uffici di riferimento delle sedi ASL di competenza.

 

Come si svolge il percorso di trattamento termale?

La durata di una cura termale si aggira in genere tra le 2 e le 4 settimane ed è solitamente fissata in relazione alle indicazioni cliniche derivanti dalla richiesta del medico curante e alle condizioni stabilite per la categoria a cui l’utente appartiene.
All’arrivo alla stazione termale, il paziente viene visitato da uno dei medici dello stabilimento, che sono specializzati in questo tipo di terapia.
Egli valuta l’adeguatezza dell’indicazione clinica formulata dal medico curante e stabilisce durata, modalità e frequenza del trattamento, dopo aver eventualmente prescritto alcuni esami.
Oltre all’assunzione di acque termali, le cure possono comprendere immersioni, varie forme di docce, vaporizzazioni o irrigazioni, sedute di balneoterapia in piscina, applicazioni di fanghi o cataplasmi, inalazioni, sedute di rieducazione motoria, di drenaggio, bagni di vapore ecc.
Durante il trattamento sono previste diverse visite di controllo e una prima della dimissione.
Il medico dello stabilimento che ha seguito il paziente gli consegna una relazione sulle cure prestate da trasmettere al medico curante.

immagine che mostra un trattamento con acque termali

Il valore antistress di un soggiorno termale

Curarsi con i percorsi termali può diventare, grazie anche alle moderne locations e attrezzature degli stabilimenti termali, un’occasione unica per rilassarsi e rigenerarsi interiormente ed esteriormente.
Un soggiorno termale diventa così un modo per ritrovare se stessi, rimettersi in collegamento con il proprio corpo, disconnettendosi dallo stress quotidiano, per ritornare a essere capaci di ascoltare e accogliere il proprio ritmo interiore.
Rinunciare allo stress per abbracciare la cura e le coccole della Natura.
Significa defaticarsi, imboccare la strada della guarigione.
L’acqua diventa di nuovo principio di vita, salute e felicità.

Ma il viaggio nel mondo meraviglioso delle cure termali, non termina qua.
Nel prossimo articolo troveremo una guida alle terapie termali e ai centri che in tutto il territorio nazionale affrontano in modo mirato ogni tipologia di disturbo.

FONTENOVA AL SERVIZIO DEL CLIENTE


 

Prodotti Certificati

Soluzioni Personalizzate

Progettati su Misura

Manutenzione Programmata

Prodotti Italiani

Garanzia Impianti

Assistenza Dedicata

Analisi Acqua

Aquanova Firenze srl
Viale dei Platani 16, 50142 Firenze
CF e P.IVA 05661240480
Tel. 055.71.35.385
info@fontenova.org


Tutti i diritti riservati © 2018

SOCIAL NETWORKS


Siamo attivi sui social! Seguici

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER